Viaje a Guatemala Viaje a Guatemala Prensa Libre


[ Archivo de publicaciones ]


Notas relacionadas:

Visitar el Museo de Paleontología del Municipio de Estanzuela es una experiencia cautivante para los turistas....
El calor de Zacapa ofrece el ambiente ideal para disfrutar a lo grande piscinas y toboganes. En el kilómetro 149 ruta...
Basta recorrer dos horas en carro, o dos y media en autobús por la carretera al Atlántico, para llegar a un lugar donde...
It is enough to drive for two hours, by car, or two and a half by bus on the highway to the Atlantic, in order to...
    Es uno de los departamentos más interesantes de la República, tanto desde el punto de vista geográfico como por...
Hotel y balneario Valle Dorado Museo de paleontología y arqueología Roberto Wookfolk Saravia Balneario Poza las Mesas...
Huge skeletons and fossils are exhibited in this museum, showing a display of the pre-historical past of Guatemala in...
Visitare il museo di paleontologia del Comune di Estanzuela è un'esperienza accattivante per i turisti. Fermarsi di...

Antigua Guatemala


Copyright

viajeaguatemala.com es un portal de Prensa Libre. Derechos reservados.

Zacapa

È una delle regioni più interessanti della Repubblica, sia dal punto di vista geografico che per il carisma degli abitanti, famosi per la loro inventiva. In più è ampiamente conosciuta per i suoi cibi tradizionali come la yuca con chicharrón, le quesadillas e i prodotti latticini.

Zacapa partecipa molto attivamente all'economia del nostro paese ed esempio di questo sono le piantagioni di tabacco, melone, pomodori uva e ibisco, destinati nella loro maggior parte all'esportazione.

In estate sembra che il sole stesso abbracci i suoi abitanti, però il clima rende possibile  che i fiumi e i balneari si trasformino in meravigliose oasi per i visitatori che vengono a rinfrescarsi.

Una delle sue attrazioni culturali è il museo di Paleontologia ad Estanzuela, che riunisce reperti archeologici trovati in questa area, murali di rappresentazioni Maya, così come un'estesa varietà di esempi di fauna della regione. Però la cosa più impressionate sono i resti fossili di un mastodonte e di un armadillo gigante, cosa che gli è valsa il nome di 'museo dell'osso' datogli dagli stessi abitanti della regione.

Nome del dipartimento:Zacapa.
Capoluogo del dipartimento:Zacapa.
Popolazione:207.814 abitanti approssimatamente.
Comuni: Zacapa, Estanzuela, Río Hondo, Gualán, Teculután, Usumatlán, Cabañas, San Diego, La Unión e Huité.
Clima:Caldo secco.
Lingua:Spagnolo.
Altitudine:220 metri sopra il livello del mare.
Confini territoriali:Al nord con le regioni di Alta Verapaz e Izabal; ad est con la República dell' Honduras; al sud con le regioni di Chiquimula e Jalapa, e ad ovest con El Progreso.
Estensione territoriale:2.690 chilometri quadrati.
Festa patronale:Dal 4 al 9 di dicembre in onore alla Virgen de Concepción (Vergine della Concezione)
Fondazione:1871.
Temperatura:Massima: 34 gradi centigradi. Minima: 21 gradi centigradi.

Storia popolazione e cultura

Di Felipe Antonio Girón Palacios

La valle mediana del Río Motagua è formata praticamente da quasi tutti i comuni della regione: Cabañas, Usumatlán, Teculután, Huité, Río Hondo, Estanzuela e Gualán, rimanendo fuori solamente i comuni di San Diego, La Unión e Zacapa.

L'evoluzione naturale di questa zona ha la registrazione più antica nei tempi preistorici. Con i reperti archeologici di un Gliptodonte o di un armadillo gigante, trovato nel novembre del 1996 a Teculután da un gruppo di archeologi dell'universitá San Carlos, si è potuto confermare il popolamento della zona da tempi molto antichi.

Per le tracce trovate fino ad oggi, si crede che movimenti tettonici occasionati dall'attività vulcanica (dei vulcani di Ipala a Chiquimula, Tahual a Jalapa e Suchitán a Jutiapa, che sono vicini alla zona) ela falla del Motagua durante il periodo terziario, abbiano contribuito al drenaggio di una laguna che copriva una certa area di Estanzuela, Zacapa e Río Hondo. Attualmente la valle mediana del Motagua costituisce nelle sue zone inferiori, una regione di pianure irrigate conosciute come La Fragua, dove principalmente si coltiva melone, tabacco, anguria e canna da zucchero.

Fino ad adesso sono stati ritrovati siti archeologici di grandi dimensioni, urbanizzati e con strutture costruttive proprie delle culture meso-americane come giochi a palla e altri. Questi siti sono: La Vega del Cobán a Teculután, La Reforma a Huité e Marines a Río Hondo. Fino ad adesso quello che è stato ritrovato fa pensare ad un tipo di civilizzazione pienamente assediata nella zona dai tempi del pre-classico, della era pre-coloniale che ancora è un mistero da  risolvere.

Sembra che gli attuali comuni di Gualán, Río Hondo, Zacapa ed Estanzuela, fossero abitati da indigeni ch'orti'es e i comuni di Cabañas (anticamente Chimalapa), Usumatlán, Teculután e forse anche Huitá, da indigeni che parlavano un idioma alagüilac, che apparentemente era una mescolanza tra ch'orti' e pipil (Stoll 1958'249 e Terga 1980'26), molto probabilmente a radice dell'arrivo di gruppi nahuatl provenienti dal centro del Messico.

Le fonti etno-storiche ci informano che la lingua ch'orti' si parlava a San Pablo Zacapa, a San Pedro Zacapa ed a Gualán nell'epoca coloniale; per questo è  supponibile il fatto che i ch'orti' fossero gli abitanti di questa parte di Zacapa.

Etimologicamente Zacapa significa 'sopra il fiume di Zacate o dell'erba', derivato dalle voci nahuatls e maya, zacatl, che significa zacate o erba e apan 'nel fiume', formato a sua volta da atl (acqua e pane) in (Archila 1928:19). Questo non è l'unico comune della regione con nome da radici nahuatl (pipil), ci sono ancheTeculután, Usumatlán e Huité. I Chichimecas provenienti dalla Valle di Anahuac, al centro del Messico, nel secolo VII e VIII, si fusero con i ch'orti' di Zacapa, anche se i dettagli di questo processo ancora non si conoscono con chiarezza, almeno i toponimici della regione sembrano confermare tale estremo. La domanda è se questi nomi fossero stati dati prima, durante o dopo la conquista spagnola, per il fatto che con gli spagnoli arrivavano anche indigeni messicani.

C'e' da supporre che per l'ubicazione geografica della regione, quest'ultima si fosse costituita su una strada di commercio fin dai primi insediamenti umani nella regione fino ai nostri giorni, cosa che la rende una regione che gioca una carta importante nell'economia del paese. Senza dubbio la navigazione del Río Motagua permise la distribuzione e la commercializzazione della pietra di giadeite (giada), della pietra obsidiana prima della colonizzazione e cosi' anche la comunicazione tra le terre alte, intermedie e basse dell'area maya. L'affioramento di giada si trova nelle falde della Sierra di Las Minas. Anche se per i propositi coloniali, la navigazione stessa del fiume permise la comunicazione della capitaneria generale del Guatemala con la Reala Corona Spagnola.

Il Camino Real (strada reale) di Santiago venne tracciato quasi parallelamente al menzionato fiume. Questa condizione determinò in buona parte che la maggior parte dei coloni spagnoli dei secoli XVI e XVII si insediassero in questa regione, popolando la totalità di Zacapa e spiazzando la popolazione nativa che già era stata decimata dalle epidemie portate dagli europei. In tal modo, per la colonia inizia un processo importante nella configurazione dell'attuale Zacapa, giacché tuuto ciò portò con sé le aziende di allevamento vaccino e la trasformazione agricola delle pianure della Fragua. Era necessario anche l'allevamento di cavalli e muli per il trasporto di beni e persone, principalmente per quelli le cui destinazioni finali erano la città di Santiago de los Caballeros oppre qualche barca ancorata nel Golfo Dulce o nel mare dei Caraibi.

La produzione di grana e cocciniglia, tanto famosa durante la colonizzazione, venne estratta per la maggior parte nella regione. E di più, per consolidare la regione come una via di comunicazione, alla fine del secolo XIX si costruì la ferrovia dell'Atlantico che attraversava il territorio con stazioni importanti a Zacapa Gualán e Cabañas.

La colonizzazione spagnola instaurò istituzioni come l'encomienda (tassa) che era una pratica istituzionalizzata la quale aveva senso nel sistema coloniale per  l'acquisizione di ricchezze e beni da parte delle città nella colonia. Con ciò si insediò una maggioranza castellana che culturalmente creò alcuni sincretismi nella zona che la ha resa particolare, come il predominio del castellano sulla lingua ch'orti'.

Lo stabilrsi di aziende di allevamenti, simili alle tenute e aziende dell'Andalusia, permise lo stanziarsi di popolazioni spagnole che furono in maggioranza ed egemoni, per questo la cultura ha una matrice spagnola. Zacapa è stata il vincolo tra la capitale e la costa atlantica, la coltivazione di anile fu la sua fonte economica e in tempi recenti le fattorie di bananeti e la ferrovia furono una fonte di lavoro per molta gente della regione.

Il crogiolo dell'oriente
Di: Luis Villar Anleu

Vegetazione a Sierra de Las Minas a San Juan La Paz, Gualán.

A forma di valle fiancheggiato da montagne, la regione è una strana mescolanza di ambienti ecologici contrastanti (anche se non sembra a prima vista) e di manifestazioni geologiche disordinate.

Su ampie estensioni il territorio è di clima torrido, secco, abbondantemente illuminato dal sole che a volte si offre inclemente.  In queste si è creata la dimora del 'monstruo de gila', un peculiare rettile che, anche se qui viene chiamato scorpione, non ha niente a che vedere con questo tipo di invertebrati. In altre parti Zacapa si proietta verso il cielo. Lo fa tanto che la cima del monte Raxón, a 2.987 metri di altitudine, si trasforma nella parte più alta della Sierra Las Minas.

La Sierra Las Minas e quella del Merendón, parte che possiede questa zona, sono le montagne più antiche del Guatemala, forse risalenti fino a 370 milioni di anni fà. La prima è ricca di marmi, giade, giadeiti, serpentini, serpentine e gneiss.

Affascinante geologia

Il Río Motagua, che con tanta prodigalità irriga la sua valle attraversando la regione di Zacapa, nasconde una temibile fessura. È la frattura che divide in due il Guatemala. Qui si presenta in forma di due estese falle geologiche parallele, che vengono da molto all'est e vanno verso ovest. Una di queste si chiama Falla di San Augustín e corre ai piedi delle montagne del lato nord (Sierra de Las Minas); l'altra si chiama Falla Del Motagua e scorre ai piedi delle montagne del sud, alcune vulcaniche e altre sedimentarie.

Queste falle, in special modo la seconda, scivolano una contro l'altra in tutta la loro lunghezza. Un monumento collocato al bordo della strada che unisce l'abitato di Río Hondo con la città di Zacapa, a pochi chilometri dalla prima, segna il luogo per dove passa e dove il 3 di febbraio del 1976 rese evidente il formidabile spostamento di terreni che può provocare.

Un altro importante fiume di grande portata della regione , il Grande di Zacapa, affluente del Río Motagua, fa altrettanto. La corrente scorre sopra una valle che nasconde un altra falla, questa viene da Chiquimula e si unisce a quella del Motagua ad angolo retto. La sua esistenza provoca la separazione delle montagne del sud della regione in due blocchi dissimili: verso l'est persiste un soave ramo di montagne della cordigliera vulcanica; gli abitanti di San Diego si trovano su questa. Nel senso opposto, avendo come riferimento l'abitato di La Union, le montagne corrispondono alla nascente Sierra del Merendón.

In questi luoghi, le falle di San Augustín e del Motagua hanno una direzione approssimatamente da sud-est a nord-ovest. La Sierra de Las Minas la ha allo stesso modo. È parallela a quelle del corso del Río Motagua. Chi ha tracciato i confini della regione, che si avvicinano a quelli di un rettangolo, li ha concepiti concordanti con quegli orientamenti. Per questo Zacapa ha una superficie geografica insolita: assomiglia alla sezione longitudinale di un canale, nel quale entra acqua da un estremo,  esce dall'altro e le pareti sono massicce serre montagnose.

Grandi contrasti ecologici

Negli ombrosi e umidi ambienti naturali della Sierra de Las Minas si trovano specie forestali estremamente rare in Guatemala come i tassi e gli aceri. Hanno nei loro oscuri ecosistemi, propri di quelli della selva di montanga, probabilmente l'ultimo rifugio per sopravvivere. Insieme a questi c'è una varietà di animali sorprendente e splendida. Tra questi troviamo il quetzal e poi auroras, pitorreales, guardabarrancas e cenzontles di alta montagna.

Le terre basse, a livelli del suolo delle valli del Motagua e del Grande di Zacapa, così come i rami poco elevati delle montagne del sud, sono secche e estrememente calde. È talmente così, che nel settore conosciuto come La Fragua, molto vicino alla città di Zacapa, i geografi sono soliti riconoscere il punto più secco e caldo del Guatemala. I registri di pioggia sono di circa 470 millimetri, 39 giorni di pioggia all'anno e temperature fino a 45 gradi.

L'estrema aridità delle terre basse è responsabile del fatto che contengano il mondo del Chaparral Espinoso, quel particolare ecosistema che raggruppa gli ecosistemi di cactus, rovi e boschi secchi di caducifoglie, dove abbondano gli alberelli di acace, yajes, aripines, brasil, mimose e palojiote. Non è un mondo morto, possiede estrema vitalità. I cactus, in particolare quelli situati al centro della regione, si sono trasformati in un rifugio per lo scorpione di Zacapa, un esclusivo rettile in pericolo di estinzione.

Attrazioni naturali, oltre le pianure della Fragua

Dovuto al fatto che la maggior parte dei paesi che formano Zacapa sono ubicati nelle terre basse, dove la pioggia è scarsa e il calore abbondante, si ha l'idea generale che la regione sia semi-arida in ogni parte. Infatti l'ecosistema desertico del Chaparral Espinoso, con i suoi pungenti arbusti e migliaia di insetti ugualmente aggressivi, è ciò che domina il paesaggio di Zacapa, però non è l'unico.

Ci sono anche splendide selve, con una grande complessità ecologica, quasi perpetuamente immerse in nubi, che contengono meravigliosi esempi della diversità biologica del paese. Insieme formano l'ecosistema del bosco di montagna, che da qui compone una lunga linea ecologica che raggiunge i versanti settentrionali degli altopiani Cuchumatanes. Si trovano nella Sierra de Las Minas, in una difficile cima ripida, frantumata, oscura, di intensa umidità, che è allo stesso tempo produttrice d'acqua la quale scende verso il Río Motagua in forma di correnti cristalline e fresche.

Altri ecosisitemi forestali, più secchi di quello di Las Minas, però mai come quelli delle basse valli, si trovano sopra alcune discrete montagne del sud. Tra questi risultano degni di menzione le pinete e i lecceti che crescono sul monte Miramundo. Queste comunità naturali appartengono all'ecosistema del Bosco di Montagna. Si sono riversate sulle montagne della cordigliera vulcanica e elevazioni vicine, fino a raggiungere terreni come quello di miramundo.

Anche l'archivio geologico della regione risulta di supremo interesse. Varie cappe sedimentarie del periodo del Pleistocene, di almeno 30.000 anni d'età, contengono una ricca eredità fossilifera che ha permesso agli esperti di capire parte della storia naturale del luogo. Grazie a queste si è potuto ricostruire il passato e sapere che lì (nelle vicinanze di Estanzuela principalmente) ci furono laghi, che furono circondati da pascoli e savane, dove vissero armadilli giganti, carpinchos, cavalli e tapiri primitivi, mastodonti ed altri esseri.

Alcuni dei luoghi dove è possibile godere del ricco patrimonio naturale di Zacapa sono i seguenti:

Pasabien, balenario:A livello della valle del Río Motagua, quindi di ambiente caldo. Però il balneario si trova ai piedi della Sierra de Las Minas, dove il fiume che lo alimenta è tumultuoso e spumeggiante. L'acqua risulta insperatamente fredda...e rinfrescante! Ci sono in questo posto molte facilitazioni per passare un momento gradevole. Un poco più in là c'è il centro Longarone, con piscine, ristoranti, vendita di frutta e quanto si voglia.
Altri balneari. Con acque altrettanto fresche come quelle di Pasabien, che provengono da Las Minas, sono i balneari a Santa Rosalía, Talisguite, Jones, La Espinilla e Doña María.

Grotte di Doña María:Doña María è un ristorante costruito e accolto quasi sopra il fiume dallo stesso nome sul bordo della strada asfaltata CA-9. C'è da beneficiarsi di deliziosi cibi e rinfrescanti bibite, il fiume è un gradevole motivo per tuffarsi, rilassarsi e prendersi un confortante riposo. A pochi minuti a piedi, una camminata deliziosa e una sosta molto gradevole e si arriva alle grotte di Doña María.

Raccomandabili per non dimenticare la passeggiata

Valle Dorado, piscina e ristorante:Ideale per godere a pieno del fascino e dell'incanto del Chaparral Espinoso con tutte le comodità di un hotel di prima classe. È quasi come un'oasi nel deserto. L'avventuroso viaggiatore potrà qui entrare in un mondo solo apparentemente ostile, ma forte, caldo affascinante e pungente. Si apprezza maggiormente al tramonto; dopo, una doccia e un riposo che sarà incredibilmente riconfortante.

Museo paleontologico di Estanzuela:Non è un posto naturale ovviamente, però è costruito quasi sopra i letti rocciosi che produssero i resti fossilizzati  esposti. La maggior parte sono enormi scheletri di animali preisorici; l'esibizione si complementa con altri motivi di grande interesse. Molto vicino al museo, sul bordo della strada, si trova il monumento che segna la rotta della famosa falla del Motagua.

Sierra de Las Minas:Riserva della biosfera. La risorsa ecoturistica più importante di Zacapa si trova approssimatamente negli 80 chilometri lineari che corrispondono alla cima della Sierra de Las Minas. Dichiarata area protetta e maneggiata come tale, mostra i più splendidi esempi di ecosisitemi selvatici che uno possa immaginare. Ci sono vari accessi dalla strada CA-9, tutti ripidi, richiedono veicoli a doppia trazione. Una via consigliabile è quella di San Lorenzo (opportunità per conoscere un cantiere di marmi); un'altra passa dal paese di La Espinilla, Jones, Talisguite; e infine una che passa per il paese El Arenal.

• Guía de infraestructura de este departamento